Informativa per persone affette da deterioramento cognitivo/demenza certificata

Informativa per persone affette da deterioramento cognitivo/demenza certificata

La nostra Casa di Riposo/Centro di Servizi è accreditato dalla Regione Veneto per accogliere persone autosufficienti e persone non autosufficienti di primo livello (minima-ridotta intensità).
Tra i livelli di autosufficienza e non autosufficienza consentiti possono rientrare ospiti con declino e perdita della funzione cognitiva (memoria, attenzione e ragionamento), accompagnata da malattie ad ampio raggio, complesse e degenerative come il Morbo di Alzheimer, di Lewy, Parkinson etc..  Queste patologie possono presentare sintomi comportamentali e psicologici, quali: aggressività, deliri, agitazione, vagabondaggio, che sono difficilmente gestibili a livello terapeutico e poco adatti alla vita di comunità.
Si intende per tanto informare il soggetto entrante e la sua famiglia che, per evitare ogni forma di disservizio e pericolosità per l'ospite o la comunità stessa presente in struttura, la Direzione accetta l'ingresso di persone con le sovra indicate patologie, previa valutazione dell'Assistente Sociale, quando:

- Esistano i presupposti espressi in Scheda Svama di profilo compatibile con l'accoglienza in struttura.
- Il profilo d'assistenza in Scheda Svama sia di secondo livello, ma la valutazione all'ingresso dell'Assistente Sociale ed il parere del Distretto dell'Ulss di riferimento espressa in scheda S.Va.M.A. siano a favore per la gestione in sicurezza della persona affetta da demenza/deterioramento cognitivo.
- Venga valutata, in sede di ingresso e durante la permanenza dell'ospite, la buona riuscita della gestione assistenziale e sanitaria della persona, assicurandone nel contempo l'adeguato regime di sicurezza per la stessa e per gli ospiti presenti in struttura.

Nel momento in cui alcune di queste tre condizioni venissero a mancare, la famiglia o la persona di riferimento dell'ospite in questione verrà messa al corrente tramite decisione espressa nel P.A.I. (Piano di Assistenza Individualizzato) e quindi condivisa dall'equipe multi professionale, per ridefinire il progetto d'assistenza ed informare sulle modalità perseguibili per limitare i rischi. 
In caso di estrema necessità, sarete invitati  ad attivarvi tempestivamente per individuare una diversa soluzione assistenziale per la/il propria/o congiunta/o.

L'ufficio di Servizio Sociale presente in struttura sarà di aiuto ai famigliari per indirizzarli verso le scelte più adeguate alla condizione dell'ospite, anche attraverso la modulistica necessaria alla fattispecie.